Russian Choral Concertos: An Introduction

Fuga Libera FUG828 5400439008281 Stepan Degtyarev, Dmitry Bortnyansky, Alexander Arkhangelsky, Sergei Rachmaninoff, Pavel Chesnokov, Valery Gavrilin, Georgy Sviridov Russian Choral Concertos: An Introduction Yekaterinburg Philharmonic Choir, Andrei Petrenko, direzione
Stepan Degtyarev, Dmitry Bortnyansky, Alexander Arkhangelsky, Sergei Rachmaninoff, Pavel Chesnokov, Valery Gavrilin, Georgy Sviridov,
Russian Choral Concertos: An Introduction
Yekaterinburg Philharmonic Choir, Andrei Petrenko, direzione
Etichetta: Fuga Libera
Formato: CD
N. supporti: 1
Codice catalogo: FUG828
Codice a barre: 5400439008281
Uscita in Italia: 24 maggio 2024
Ufficio commerciale: sales@self.it
Distributore: Self Distribuzione Milano

TRACCE

Stepan Degtyarev
Today Christ is born in Bethlehem (Dnes Christos v Vifleeme Razhdayetsya)
Dmitry Bortnyansky
Sacred Concerto No. 34, May God Arise (Da voskresnet Bog)
Alexander Arkhangelsky
I think of Judgement Day (Pomyshlyayu Den Strashny)
Sergei Rachmaninoff
O Mother of God (V molitvah)
Pavel Chesnokov
Angel Cried Out (Angel Vopiyashe)
Pavel Chesnokov
Blessed Is the Man (Blazhen Muzh)
Pavel Chesnokov
God Is with Us (S Nami Bog)
Valery Gavrilin
Chimes: White, White Snow… (Bely-Bely Snegi)
Georgy Sviridov
Pushkin’s Garland: Magpie Chatter (Strekotunya Beloboka)
Georgy Sviridov
Pushkin’s Garland: Reveille ( Zoryu Byut)

DESCRIZIONE

Il concerto corale polifonico eseguito a cappella apparve per la prima volta nella musica russa all’inizio del Settecento, e più precisamente nella musica liturgica. La maggior parte dei compositori che lavorarono in questo genere erano maestri di cappella e direttori di coro, eredi dell’antica tradizione corale russa come il Coro Sinodale di Mosca e la Cappella di Corte di San Pietroburgo. L’età d’oro di questo repertorio giunse con le opere di Dmitry Bortnyansky e Stepan Degtyarev durante il regno di Caterina la Grande. Il genere prese una nuova svolta tra Otto e Novecento, grazie all’impegno di Pavel Chesnokov, Sergej Rachmaninov e Alexander Arkhangelsky. I compositori contemporanei hanno avuto maggiore libertà nella scelta dei testi poetici e nella modifica della forma del genere usando temi profani come ha fatto Georgy Sviridov in Garland di Pushkin, o seguire il percorso spirituale e filosofico del repertorio, come vediamo in Bely-Bely Snegi di Valery Gavrilin.

Posted in Catalogo, Ultime usciteTagged , , , , , , , , , , , ,