Pulchra es

Arcana_A118_3760195731185_Pulchra es
Pulchra es. Affetti nella musica strumentale del Seicento
Il Ricercar Continuo Giulia Genini flauti e dulciana Michele Pasotti arciliuto e tiorba Alessandro Palmeri violoncello
Etichetta: Arcana
Formato: Cd
N. supporti: 1
Codice catalogo: A118
Codice a barre: 3760195731185
Uscita in Italia: 6 novembre 2020
Ufficio commerciale: sales@self.it
Distributore: Self Distribuzione

TRACCE

Dario Castello (1602-1631)
01. Sesta Sonata a doi, sopran e trombon overo violeta
alto recorder, cello, theorbo

Giovanni Antonio Bertoli (1598-after 1645)
02. Sonata Prima
bass dulcian, cello, theorbo

Giuseppe Colombi (1635-1694)
03. Chiacona a basso solo
cello

Francesco Rognoni (second half of the 16th century – after 1626)
04. Pulchra es amica mea – mottetto del Palestrina passeggiato per il soprano overo tenore
tenor dulcian, archlute

Giovanni Battista Fontana (1589?-1630?)
05. Sonata Seconda
alto recorder, theorbo

Andrea Falconieri (1585/6-1656)
06. Corrente dicha la Cuella
07. Il Spiritillo – Brando
08. Brando dicho el Melo
soprano recorder, cello, theorbo

Giovanni Girolamo Kapsberger (1580?-1645)
09. Canzone Prima
theorbo

Giovanni Battista Vitali (1632-1692)
10. Ruggiero
cello, theorbo

Giovanni Antonio Pandolfi Mealli (1624-1687?)
11. Sonata Quarta “La Biancuccia”
soprano recorder, cello, theorbo

Marco Uccellini (1603?-1680)
12. Sonata Settima a violino e basso detta “La Prosperina”
alto dulcian, cello, theorbo

Bartolomé de Selma y Salaverde (1595?-after 1638)
13. Vestiva i colli (Giovanni Pierluigi da Palestrina) – passeggiato a basso solo
cello, theorbo

Andrea Falconieri
14. La suave melodia
tenor recorder, cello, theorbo

Marco Uccellini
15. Aria Sesta a violino solo
16. Corrente Decima Ottava a violino solo
17. Corrente Decima Terza a violino solo
soprano and tenor recorders, cello, archlute

Bartolomé de Selma y Salaverde
18. Canzon a 2 bassi
bass dulcian, cello, theorbo

DESCRIZIONE

Nella stessa epoca di Galileo, i compositori italiani del Seicento furono protagonisti di una rivoluzione musicale che presenta sorprendenti analogie con la nascita del moderno metodo scientifico. Come Galileo con il cannocchiale scoprì nuovi corpi celesti, così i musicisti del tempo si accinsero a scandagliare con i loro strumenti (ad arco, a fiato, a pizzico) le profondità dell’animo umano. A ciascun “affetto” (oggi diremmo a ciascuna emozione) poteva corrispondere una frase musicale costruita secondo lo “Stil Moderno”. Uno stile sovente dai tratti imprevedibili, e proprio per questo appassionante anche per un ascoltatore dei nostri giorni. In tal modo gli strumenti diventavano i nuovi protagonisti della scena musicale e suscitavano meraviglia ed emozione al pari dei cantanti, proprio grazie ai virtuosi suonatori e alla musica per loro appositamente composta – sonate, canzoni, sinfonie, diminuzioni, balletti…

Il Ricercar Continuo, fondato da Giulia Genini, Michele Pasotti e Alessandro Palmeri, si avvicina a questo affascinante repertorio proponendo un florilegio di musiche che esprimono la grande creatività del Seicento strumentale Italiano, con una formazione inusuale all‘insegna del polistrumentismo: solo tre musicisti ma ben nove strumenti diversi tra dulciane e flauti dolci di diverse grandezze, liuto,

Posted in Catalogo, Ultime usciteTagged , , , , , , , , , , , , , , , , ,