Il Giardino Armonico

Il Giardino Armonico, formatosi a Milano nel 1985 e diretto da Giovanni Antonini, è oggi uno dei più apprezzati e richiesti gruppi musicali specializzati nell’esecuzione con strumenti originali. Il repertorio dell’ensemble, il cui organico varia da tre a trenta musicisti a seconda delle necessità di partitura, si incentra soprattutto sulla musica strumentale e vocale del sei-settecento.
Il Giardino Armonico è regolarmente ospite dei maggiori Festival Internazionali e svolge un’intensissima attività concertistica nei più importanti teatri e sale da concerto di tutto il mondo: Concertgebouw di Amsterdam, Wigmore Hall e Barbican di Londra, Musikverein di Vienna, Théâtre des Champs-Elysées di Parigi, Alte Oper di Francoforte, Staatsoper unter den Linden di Berlino, Filarmonica di San Pietroburgo, Teatro Bolshoi di Mosca, Palais des Beaux-Arts di Bruxelles, Oji Hall di Tokio, Carnegie Hall di New York, Sydney Opera House e Teatro Colón di Buenos Aires, collaborando con solisti di fama internazionale quali Cecilia Bartoli, Isabelle Faust, Katia e Marielle Labèque, Bernarda Fink, Magdalena Kožená, Viktoria Mullova, Christophe Coin, Giuliano Carmignola e molti altri.
Il Giardino Armonico ha partecipato a numerose produzioni operistiche tra cui “L’Orfeo” di C.Monteverdi, “La serva padrona” di G.B. Pergolesi, l’ “Ottone in Villa” di A.Vivaldi e di G.F. Händel: L’ “Agrippina”, “La Resurrezione”, “Il Trionfo del Tempo e del Disinganno” e infine il “Giulio Cesare in Egitto” con Cecilia Bartoli, che ha ottenuto un grandissimo successo al Festival di Salisburgo nel 2012.
Per molti anni Il Giardino Armonico ha inciso in esclusiva per Teldec Classics riscuotendo grande successo di pubblico e di critica e ricevendo numerosi riconoscimenti internazionali per le registrazioni di composizioni di Vivaldi, di Bach e di altri compositori del ‘700.
Per la casa discografica francese Naïve sono stati pubblicati “La Casa del Diavolo”, i Concerti per violoncello di Vivaldi con Christophe Coin, e successivamente l’opera “Ottone in Villa” di Vivaldi, disco premiato con il Diapason d’Or nel 2011.
Inoltre per l’etichetta inglese Onyx i Concerti per violino di Vivaldi con Viktoria Mullova.
Nel 2000 Il Giardino Armonico ha iniziato una collaborazione con il mezzosoprano Cecilia Bartoli incidendo il disco “Vivaldi Album” per Decca Classics: il successo di questo album è stato sancito anche del prestigioso Grammy Award.
Successivamente il gruppo ha avuto una collaborazione esclusiva con Decca/L’Oiseau-Lyre pubblicando negli anni l’integrale dei Concerti Grossi op .VI di Handel, “Il Pianto di Maria” con il mezzosoprano Bernarda Fink, il disco “Sacrificium” per una nuova collaborazione con Cecilia Bartoli, ricevendo il disco di platino in Francia e in Belgio e ancora il Grammy Award.
Sempre per Decca sono stati realizzati più recentemente due album con il giovane soprano russo Julia Lezheneva: “Alleluia” e “Händel in Italy”.
Attualmente sono previsti progetti con la violoncellista Sol Gabetta, il violoncellista Giovanni Sollima, il soprano Anna Prohaska (il CD “Serpent & Fire” per l’etichetta Alpha Classics – Outhere Music Group, è stato pubblicato in settembre 2016, vincendo l’International Classical Music Award “baroque vocal” nel 2017), e la violinista Isabelle Faust (con la registrazione di 5 Concerti per violino di W.A.Mozart, pubblicata per Harmonia Mundi in ottobre 2016).
È stata creata la Haydn Stiftung Basel a favore del progetto ventennale “Haydn2032”, per sostenere l’incisione dei dischi e i concerti in varie capitali europee con programmi tematici incentrati su questo affascinante repertorio.
In novembre 2014 è uscito il primo cd dal titolo “La Passione”, in maggio 2015 il secondo dal titolo “Il Filosofo”, il terzo volume “Solo e Pensoso” è stato pubblicato in agosto 2016, e il quarto “Il Distratto” in marzo 2017 (etichetta Alpha Classics).
In ottobre 2015 “La Passione” ha vinto l’Echo Klassik, e “Il Filosofo” è stato Choc de l’Annee per Classica.
Come per gli ultimi volumi del progetto “Haydn2032”, anche l’album “Telemann” è stato pubblicato sia in CD che in LP (novembre 2016, Alpha Classics). “Telemann” ha vinto il Diapason d’Or in gennaio 2017.

Giovanni Antonini

Nato a Milano, ha compiuto gli studi musicali presso la Civica Scuola di Musica della sua città e si è perfezionato presso il Centre de Musique Ancienne di Ginevra.

È membro fondatore dell’ensemble Il Giardino Armonico, che dirige stabilmente dal 1989 e con cui ha tenuto concerti in tutta Europa, negli Stati Uniti, in Canada, Sudamerica, Australia, Giappone e Malesia, sia come direttore che come solista al flauto dolce e flauto traverso barocco.

Collabora con molti artisti di fama internazionale tra i quali Cecilia Bartoli, Isabel Faust, Viktoria Mullova, Giuliano Carmignola, Giovanni Sollima, Sol Gabetta, Katia e Marielle Labèque, Kristian Bezuidenhout.

Noto per la sua raffinata interpretazione del repertorio classico e barocco, da diversi anni è invitato a dirigere prestigiose orchestre, collaborando regolarmente con i Berliner Philharmoniker, il Concertgebouw di Amsterdam, la Tonhalle di Zurigo, l’orchestra del Mozarteum di Salisburgo, la Orquesta Nacional de Espana, la Gewandhaus di Lipsia, l’Orchestra da Camera di Basilea.

In ambito operistico ha diretto Le Nozze di Figaro di Mozart e Alcina di Handel al Teatro alla Scala di Milano; nella stagione 2013/14 ha diretto nuovamente Alcina all’Opera di Zurigo.

Nel 2012 ha diretto Giulio Cesare di Handel con Cecilia Bartoli al prestigioso Festival di Salisburgo,  al quale ha partecipato nel 2013 dirigendo la Norma di Bellini. Nel 2015 dirigerà nuovamente Norma a Salisburgo e a Zurigo; in autunno 2016 tornerà a Zurigo per la direzione di Nozze di Figaro.

Dal settembre 2013 è Direttore Artistico del Festival Internazionale Wratislavia Cantans in Polonia.

Con il Giardino Armonico ha registrato per Teldec Classic numerosi dischi dedicati a Vivaldi (tra cui “Le Quattro Stagioni”) e ad altri compositori del Settecento, J.S. Bach (“Concerti Brandeburghesi”), H.I.F. Biber e M. Locke. Per Naïve ha inciso l’opera di Vivaldi Ottone in Villa, e negli ultimi anni ha registrato con il Giardino Armonico in esclusiva per la casa discografica Decca. Per Decca ha inciso Norma di Bellini con Cecilia Bartoli.

Con l’Orchestra da Camera di Basilea sta portando a termine la registrazione integrale delle sinfonie di Beethoven per la casa discografica Sony, di cui le prime otto sono già state pubblicate.

È direttore artistico e musicale del prestigioso progetto ventennale “Haydn2032”, che prevede la registrazione integrale delle sinfonie di F.J. Haydn, che verranno eseguite in alcune delle principali capitali europee. Il primo disco La Passione è stato pubblicato da Alpha-Outhere in novembre 2014, e in maggio 2015 il secondo disco Il Filosofo a cui sono seguiti nel 2016 il disco Solo e pensoso e nel marzo del 2017 il quarto volume dal titolo Il Distratto.