Patricia Kopatchinskaja

patriciakopatchinskaja

Il repertorio di Patricia Kopatchinskaja si estende dal barocco e classico (spesso suonato con le corde di budello) fino a nuove commissioni o re-interpretazioni di capolavori moderni.
Nel corso della stagione 2015/16 sarà ospite della Staatskapelle di Berlino, sarà artista in residence alla Laeiszhalle di Amburgo e farà una lunga tournée con Theodor Currentzis e la sua Musica Aeterna. Altre tournée la vedranno impegnata con la Camerata Salzburg e Langrée nonché con la Chambre Philharmonique e Krivine, la Chamber Orchestra of Europe, la State Academic Symphony Orchestra di Mosca con Jurowsky e ancora a Houston e Seattle.
In Inghilterrà sarà ospite della London Symphony Orchestra con Jurowski e protagonista del ciclo “Marin, Madness and Music” al South Bank Centre con concerti con l’Orchestra The Age of Enlightment, i Kafka Fragmeente di Kurtag con Anu Komsi e opere di Ustolskaja.
Sarà inoltre interprete di molte nuove opere per violino: Turnage un brano per violino e cello con Sol Gabetta; un nuovo brano di Sotelo per orchestra d’archi, flamenco e percussioni con la Saint Paul Chamber Orchestra, di cui è condirettore artistico; uno di Michael Hersch e la prima esecuzione francese di Concerto per violino di Michael van der Aa.
Nella stagione precedente è stata protagonista, con i Berliner Philharmoniker, del Concerto DoReMi di Peter Eotvoes, ha suonato al Mostly Mozart Festival del LincolnCenter, con la Londron Phlahrmonic Orchestra ai Festival di Edimburgo e Santander e ha fatto una lunga tournè in Svizzera con la Stockholm Philharmonic Orchestra e Oramo.
Appassionata anche di musica da camera ha suonato e suona con Sol Gabetta, Polina Leschenko, Markus Hinterhauser e con alcuni membri della sua famiglia. Ha fondato il quartet-lab, un quartetto d’archi con Isabelle van Keulen, Lilli Maijala e Pieter Wispelwey, con il quale ha fatto una lunga tournée europea nell’autunno 2015.
Intensa l’attività discografica: nel 2015/16 verranno pubblicati tre CD, uno con Gidon Kremer e la Kremerata Baltica con musiche di Kancheli, Take Two per l’etichetta Outhere/Alpha e il Concerto di Caikovskij con Currentzis e Musica Aeterna per Sony.
Il CD comprendente il Secondo concerto di Bartok, il Concerto di Ligeti e Seven di Peter Eoetvoes, diretta da Eotvoes stesso con la Hessicher Rundfunk Sinfonieorchester e l’Ensemble Modern, ha ricevuto numerosi premi internazionali fra cui il Gramophone Recording of the Year, l’ECHO Klassik e la nomination al Grammy Award.

Posted in ArtistiTagged ,