Juan Hidalgo, Musica per il Re Pianeta [Filippo IV d’Asburgo, detto anche Filippo il Grande]

Lauda LAU015 El Rey Planeta, La Grande Chapelle
Juan Hidalgo
El Rey Planeta
La Grande Chapelle Albert Recasens, direzione
1
LAU015
8429085263827
7 luglio 2017
Ufficio commerciale: sales@self.it
Distributore italiano: Self Distribuzione

TRACCE

1. ¡Venid, querubines alados…!, villancico a Nuestra Señora a 4*

2. Al dichoso nacer de mi Niño, tono para Navidad a 4*

3. Mas, ¡ay, piedad!, villancico de Miserere a 3*

4. Mariposa incauta, dúo al Santísimo Sacramento (INSTRUMENTAL)

5. Ay amor, ay ausencia, [tono a] solo

6. Quedito, pasito, cuatro teatral

7. Anarda divina, dúo [humano]* )

8. Escuchad mi voz, dúo al Santísimo Sacramento* (INSTRUMENTAL)

9. Cuando el alba aplaude, villancico al Santísimo y a «Nuestra Señora» a 3*

10. Suprema deidad que miro, villancico de Pasión a 4 (1677)*

11. Antorcha brillante, villancico al Santísimo Sacramento a solo y a 4*

12. Pues adoro una oblea, dúo al Santísimo (INSTRUMENTAL)

13. Rompa el aire en suspiros, recitativo a lo humano [solo]*

14. ¡Ay, corazón amante!, tonada humana a solo

15. Luceros y flores, arded y lucid, solo a «Nuestra Señora»* [versión a lo humano]

16. Aunque en el pan del cielo, [tono] al Santísimo Sacramento a 3*

17. Ay, cómo gime, tono teatral a 4

* World Premiere Recording

DESCRIZIONE

Benché sia quasi esclusivamente ricordato come l’inventore – in collaborazione con Calderón de la Barca – della zarzuela e dell’opera spagnola, la produzione vocale da camera di Juan Hidalgo (1614-1685) – essenzialmente tonos [arie] sacre e profane – godeva di un innegabile successo, come testimoniano le innumerevoli copie che circolarono in Spagna e nelle Americhe. La sua attività di arpista della Cappella Reale e di maestro di cappella al servizio di Filippo II e di Carlo IV gli conferì una posizione privilegiata nel mondo artistico del suo tempo. Meno conosciuto è il suo repertorio sacro, destinato principalmente a specifiche pratiche devozionali, come le Quarant’Ore, che probabilmente andò perduto nell’incendio che distrusse il Real Alcázar nel 1734. Tuttavia è stato possibile restituire parte di questa produzione profana usando copie disseminate in diversi archivi e biblioteche. In questa registrazione monografica – la prima del genere – La Grande Chapelle ha selezionato un gruppo eterogeneo di tonos e villancicos che, oltre a deliziarci, colmano un’importante lacuna nella nostra conoscenza del Barocco spagnolo.

Posted in Catalogo, Ultime usciteTagged , , , ,