Ludwig van Beethoven, Integrale della musica per violoncello e pianoforte

ALPHA577_Beethoven_Lonquich
Ludwig van Beethoven
Integrale della musica per violoncello e pianoforte
Nicolas Altstaedt violoncello Alexander Lonquich fortepiano
Etichetta: Alpha
Formato: Cd
N. supporti: 2
Codice catalogo: ALPHA577
Codice a barre: 3760014195778
Uscita in Italia: 5 giugno 2020
Ufficio commerciale: sales@self.it
Distributore: Self Distribuzione

TRACCE

CD1
1 12 Variations on ‘See the Conqu’ring Hero Comes’ in G Major, WoO 45
2 Sonata No. 1 in F Major, Op. 2, No. 1: I. Adagio sostenuto
3 Sonata No. 1 in F Major, Op. 2, No. 1: II. Allegro
4 Sonata No. 1 in F Major, Op. 2, No. 1: III. Allegro vivace
5 Sonata No. 2 in G Minor, Op. 5, No. 2: I. Adagio sostenuto ed espressivo
6 Sonata No. 2 in G Minor, Op. 5, No. 2: II. Allegro molto più tosto presto
7 Sonata No. 2 in G Minor, Op. 5, No. 2: III. Rondo. Allegro
8 12 Variations on ,ein Mädchen oder Weibchen’ in F Major, Op. 66

CD2
1 Sonata No. 3 in A Major, Op. 69: I. Allegro, ma non troppo
2 Sonata No. 3 in A Major, Op. 69: II. Scherzo. Allegro molto – trio
3 Sonata No. 3 in A Major, Op. 69: III. Adagio – allegro vivace
4 7 Variations on ,bei Männern Welche Liebe Fühlen’ in E-Flat Maj
5 Sonata No. 4 in C Major, Op. 102, No. 1: Ia. Andante
6 Sonata No. 4 in C Major, Op. 102, No. 1: Ib. Allegro vivace
7 Sonata No. 4 in C Major, Op. 102, No. 1: IIa. Adagio
8 Sonata No. 4 in C Major, Op. 102, No. 1: IIb. Allegro vivace
9 Sonata No. 5 in D Major, Op. 102, No. 2: I. Allegro con brio
10 Sonata No. 5 in D Major, Op. 102, No. 2: II. Adagio con molto sentimento d’affetto
11 Sonata No. 5 in D Major, Op. 102, No. 2: III. Allegro

VIDEO

DESCRIZIONE

La produzione di Beethoven per violoncello e pianoforte è coinvolgente poiché copre ogni periodo della sua carriera, dalla giovinezza alla maturità, con dei riferimenti a Bach nell’Op.69 e nell’Op.102 No.2 e un innovativo linguaggio sorprendentemente moderno.
Per questa integrale accompagnata dalle Variazioni su un tema da Giuda Maccabeo di Haendel e su un tema da Il Flauto magico di Mozart, Nicolas Altstaedt  ha scelto di usare un violoncello con corde di budello, un Guadagnini di Piacenza del 1749, suonando con un archetto classico. Alexander Lonquich – fedele e inseparabile partner artistico dal giorno in cui Nicolas Altstaedt sostituì il suo maestro Boris Pergamenschikow in un concerto nel quale Alexander Lonquich eseguiva alcune sonate di Beethoven al Beethovenfest di Bonn nel 2004 – suona un fortepiano Graf del 1826. La combinazione di questi strumenti produce un bilanciamento molto equilibrato del suono e colori eccezionali.
Questa registrazione è la prima che Nicolas Altstaedt effettua per Alpha come solista. Ne seguiranno altre, con generi differenti che metteranno in risalto l’eclettismo di questo musicista tra i più promettenti della sua generazione.

Posted in CatalogoTagged , , , , ,