La Vienna di fine secolo

ALPHA393_3760014193934_Vienna_Barbara Hannigan
Vienna. Fin de siècle
Barbara Hannigan soprano, Reinbert de Leeuw pianoforte
Etichetta: Alpha
Formato: Cd
N. supporti: 1
Codice catalogo: ALPHA393
Codice a barre: 3760014193934
Uscita in Italia: 7 settembre 2018
Ufficio commerciale: sales@self.it
Distributore: Self Distribuzione

TRACCE

Alban Berg: Sieben frühe Lieder
Alma Mahler: Die stille Stadt
Alma Mahler: Ich wandle unter Blumen (text: Heinrich Heine)
Alma Mahler: Laue Sommernacht (text: Gustav Falke)
Alma Mahler: Licht in der Nacht (text: Otto Julius Bierbaum)
Arnold Schoenberg: 4 Lieder Op. 2
Anton Webern: Fünf Lieder (nach Gedichten von Richard Dehmel)
Hugo Wolf: Mignon I ‘Heiß mich nicht reden’ (No. 5 from Goethe-Lieder)
Hugo Wolf: Mignon II ‘Nur wer die Sehnsucht kennt’ (No. 6 from Goethe-Lieder)
Hugo Wolf: Mignon III ‘So lasst mich scheinen’ (No. 7 from Goethe-Lieder)
Hugo Wolf: Mignon IV ‘Kennst du das Land’ (No. 9 from Goethe-Lieder)
Alexander Zemlinsky: Da waren zwei Kinder, Op. 7 No. 1
Alexander Zemlinsky: Empfängniss, Op. 2 No. 6
Alexander Zemlinsky: Entbietung, Op. 7 No. 2
Alexander Zemlinsky: Frühlingstag
Alexander Zemlinsky: Schlaf nur ein Op. 5 No. 1
Alexander Zemlinsky: Tiefe Sehnsucht Op. 5 No.

VIDEO

DESCRIZIONE

Dopo l’enorme successo del suo primo album per Alpha, Crazy Girl Crazy (Alpha 293), che ha ricevuto un Grammy Award, un JUNO Classical Award in Canada, il Premio della Critica Musicale Tedesca, FFFF di Télérama e Diamant di Opéra Magazine ed esser stato CD del Mese di BBC Music Magazine, Barbara Hannigan ritorna con il suo storico collaboratore, il pianista e grande interprete olandese della musica del Novecento Reinbert de Leeuw, per un recital che esplora le radici della musica moderna, con i compositori che hanno lasciato il loro segno al volgere del ventesimo secolo: Hugo Wolf (Lieder di Mignon), Arnold Schoenberg (Quattro Lieder Op. 2), Anton Webern (Cinque Lieder su poesie di R. Dehmel), Alexander Zemlinsky (selezione di Lieder), Alma Mahler (La notte stellata ecc.) e Alban Berg (Sette Lieder giovanili). Da quella che è stata definita la Seconda Scuola di Vienna, un’incredibile miscela di musicisti, pittori, scrittori e altri artisti che frequentavano salotti e caffè, nasceva un linguaggio musicale completamente nuovo. Barbara Han­nigan è particolarmente affezionata a questo repertorio, che promuove da tanto tempo. Naturalmente stiamo pensando a Berg e alla sua indimenticabile Lulu: ‘L’artista che canta’, come i giornalisti spesso amano descriverla, incarna questa musica con la sua leggendaria sensibilità drammatica, trasformando ciascuno di questi Lieder una storia a sé, perfino un’opera in miniatura…

Posted in Ultime usciteTagged , , , , , , ,