Joan Manuel Serrat, De vez en cuando la vida

ALPHA412_3760014194122_SERRAT_De vez en cuando la vida_Alarcon
Joan Manuel Serrat
De vez en cuando la vida. Joan Manuel Serrat e l'Epoca d'Oro
Cappella Mediterranea, Leonardo García Alarcón
Etichetta: Alpha
Formato: Cd
N. supporti: 1
Codice catalogo: ALPHA412
Codice a barre: 3760014194122
Uscita in Italia: 19 ottobre 2018
Ufficio commerciale: sales@self.it
Distributore: Self Distribuzione

TRACCE

Romance de Curro “El Palmo” (Arranged by Quito Gato)
Mariana Flores

Mediterráneo (Arranged by Quito Gato)
Mariana Flores / Leandro Marziotte / Valerio Contaldo / Hugo Oliveira

De vez en cuando la vida (Arranged by Quito Gato)
Mariana Flores

Esta vez, Cupidillo
Valerio Contaldo

Xácaras por primer tono (Arranged by Quito Gato)

La canço dell ladre (Arranged by Quito Gato)
Maria Hinojosa

Mortales que amáis
Mariana Flores / Giusepinna Bridelli / Leandro Marziotte / Valerio Contaldo / Hugo Oliveira

Pare (Arranged by Quito Gato)
Maria Hinojosa

La bomba
Mariana Flores

La presó de Lleida (Arranged by Quito Gato)
Maria Hinojosa

Música callada (Transcription for Harp & Arrangement by Quito Gato)

Aquellas pequeñas cosas (Arranged by Quito Gato)
Mariana Flores

VIDEO

DESCRIZIONE

‘I ricordi della mia infanzia in Argentina mi riportano sempre al cantautore Joan Manuel Serrat, sinonimo di momenti di condivisione in famiglia. La poesia e la musica di Serrat attorno a una grigliata in Argentina; “De vez en cuando la vida” mi ha fatto piangere, come ha fatto piangere milioni di persone in America latina, Spagna e altrove. Joan Manuel Serrat fa parte della nostra vita, è il nostro Jacques Brel!… O, se ci proiettiamo indietro al Cinquecento, è un po’ la nostra piccola Camerata fiorentina, quel movimento di poeti e musicisti attivo a Firenze. Serrat ha permesso a tutta l’America latina e alla Spagna di riappropriarsi delle opere dei propri poeti. Serrat è anche stato sinonimo di libertà e di lotta contro i regimi dittatoriali.

La sua canzone Mediterraneo è uno dei brani emblematici della sua carriera, è quasi un inno, che oggigiorno acquista una risonanza particolare: ‘Sono nato nel Mediterraneo’!

Ho chiesto al mio grande amico Quito Gato di arrangiare queste canzoni per il nostro ensemble, Cappella Mediterranea. L’orchestrazione mantiene i tipici strumenti seicenteschi: flauti dritti, cornetto, violini, viola da gamba, violoncelli, liuti, arpa, clavicembalo, organo, con qualche percussione e un contrabbasso.

Questi strumenti d’epoca ci permettono di viaggiare indietro nel tempo e porre in parallelo le romanze di Serrat con le Ensaladas di Mateo Flecha (1481-1553) – La Bomba – o un pezzo di Francesco Valls, un catalano ormai dimenticato ma che fu uno dei più grandi compositori del Seicento spagnolo, la polifonia di Guillaume Dufay, una composizione Juan Cabanilles che ricorda una Passione bachiana. La Xacaras, un genere satirico del Siglo de Oro spagnolo (Francisco Gómez de Quevedo, Pedro Calderón de la Barca) dialoga con le opere di Serrat. Come fa la Música callada del compositore catalano Frederic Mompou, trascritta qui per arpa’.

– Leonardo García Alarcón

Posted in Catalogo, Ultime usciteTagged , , , , , , , , , , ,